Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Hebrew Portuguese Russian Spanish
Home Pensieri fuori dal blog La scuola del futuro

La scuola del futuro

Istruzione 2.0

Finalmente il buon governo ha reso pubbliche e attuative le linee guida della buona scuola. Le perplessità devo dire che sono davvero tante…

La prima riguarda la scelta degli insegnanti per colloquio attuata dai Presidi. Visto il malcostume italiano non è un ulteriore incentivo al clientelismo? Non sarà forse un benestare alla pratica della parentopoli nella scuola?

La seconda riguarda gli incentivi ai docenti meritevoli, anche questa volta scelti dai Presidi e dal Consiglio di Istituto. Siamo proprio sicuri che saranno i migliori ad essere premiati? Con quale criterio indiscutibile al di là dell’insindacabile giudizio del responsabile dell’Istituto?

La terza è sugli insegnanti in organico a disposizione che funzioneranno da tappabuchi per evitare le supplenze. Quali saranno le loro competenze? Nei periodi di inattività saranno pagati?

La quarta è per l’elargizione di ben 500 euro a testa ad ogni insegnante per corsi di aggiornamento, libri e quant’altro. Nell’ottica naturalmente del nostro saggio e parsimonioso governo che fa la spesa per due settimane con 80 euro.

La quinta riguarda la spesa di 40 milioni di euro per verificare la controsoffittatura delle scuole. Al solito… Mentre c’è la necessità di interventi per miliardi di euro per tenere in piedi edifici e organico delle nostre scuole il governo sperpera inutilmente l’irrisoria cifra di 40 milioni per verifiche (fatte da chi?) che poi non porteranno a nulla di concreto (anche perché non ci sono i soldi).

La sesta chicca è l’aumento delle detrazioni per chi frequenta la scuola privata mentre per la pubblica si chiede ai privati di donare, donare, donare perché lo Stato non può garantirla.

La settima novità riguarda le materie da rafforzare, in particolare inglese e linguaggi di programmazione. Se una materia, fin dalla primaria, deve essere insegnata in inglese, chi la insegnerà? E così la logica computazionale… Oltretutto siamo sicuri che tutte le scuole abbiano la dotazione informatica necessaria? In caso contrario vedi punto 6.

All’ottavo posto inserisco le ore di tirocinio. Per gli istituti tecnici sono comprensibili, ma 200 ore per i licei non riesco proprio ad inquadrarle. Cosa prevedono di fare, ad esempio, con gli studenti del classico?

Mi sembra che tutte queste belle proposte finiranno con l’aumentare il gap tra scuole. Ci saranno sempre di più scuole di serie A, ricche con progetti formativi validi, e scuole di serie C, povere destinate agli ultimi. Tutto questo ha davvero poco a che fare con una scuola che possa e voglia davvero definirsi pubblica in grado di garantire a tutti, senza discriminazioni, lo stesso livello di istruzione.

Ben venuti nella Scuola del Futuro.

Oggi

Venerdì, 24 - 11 - 2017
Ore [17:44:35]

AVVISO

Per motivi tecnici, il login, la registrazione di nuovi utenti, l'inserimento dei commenti e la funzione di ricerca sono stati TEMPORANEAMENTE disabilitati. Ci scusiamo per gli eventuali disagi.

Blogroll

Valid XHTML 1.0 Transitional CSS Valido! Licenza Creative Commons

Questo sito utilizza i cookie per la gestione delle funzioni disponibili, per le statistiche e per la pubblicità. Premendo il tasto AGREE si accettano tutti i tipi di cookie. Potete comunque cancellare i cookie dal vostro browser o utilizzare una estensione che li blocchi. This site uses cookies to manage the features available, for statistics and advertising. Pressing the button AGREE accept all types of cookies. However, you can delete cookies from your browser or use an extension that blocks them. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information