Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Hebrew Portuguese Russian Spanish
Home Pensieri fuori dal blog Archeologia che passione

Archeologia che passione

Come si fa uno scavo archeologico

Durante la vacanza a Orvieto, i miei genitori e io, abbiamo visitato la Necropoli del Crocifisso del Tufo.

Orvieto, necropoli del crocifisso del tufo


Lì abbiamo osservato molte tombe etrusche, ognuna con la sua entrata e una scritta che significa: “Io (sono) la tomba di …”.

L'entrata di una tomba

Appena entrati, ci siamo accorti che c’erano degli scavi archeologici in corso e alcuni archeologi ci hanno portato all’interno spiegandoci il loro lavoro, le loro scoperte e dandoci molte informazioni interessanti.

Subito ci hanno portati ad una tomba dove in mezza giornata avevano scavato 40-50 cm e ci hanno fatto vedere e toccare quello che avevano trovato finora: alcuni pezzi di bucchero, ceramica dal tipico colore nero usata dagli Etruschi, dei cocci in terracotta e alcuni pezzi di ossa.


Estrazione reperti

Ci hanno mostrato poi un pezzo di vetro informandoci che tra quello e il bucchero c’erano millecinquecento anni di differenza e hanno fatto una battuta dicendo che visto che il mio papà era muranese poteva dare la datazione del vetro.

Vetro e terracotta

In quel momento uno di loro stava usando un pennellino particolare adatto agli scavi e ci hanno detto che un archeologo non lo usa spesso perché viene usato solo nell’ultima parte dello scavo. Dopo ci hanno guidati ad un’altra tomba dove hanno acceso la luce per noi con un generatore di corrente e ci hanno spiegato che le tombe sarebbero illuminate come in un museo, ma il sistema di illuminazione non funziona.

Illuminazione

Ci hanno fatto notare che gli ingressi delle tombe sono molto bassi, questo perché adesso il livello del terreno è molto più alto.

Tombe semi-interrate

Ci hanno detto che la manutenzione è molto precaria a causa dei pochi soldi, infatti se fossimo venuti a maggio, avremmo trovato l’erba talmente alta, da superare gli ingressi dei sepolcri. Ci chiedevamo perché erano rimasti ancora reperti anche se erano già stati fatti degli scavi precedentemente e allora gli archeologi ci hanno risposto dicendo che negli ultimi trent’anni del 1800 si era andati in cerca dei pezzi grossi e più belli e quelli che non avevano grande valore venivano usati come riempimento; nel 1987 si cercavano reperti come adesso, quindi anche di poco valore, ma gli scavi erano stati fatti secondo il piano teorico cioè come se fossero in piano e col fatto che le tombe erano, e lo sono ancora, un po’ inclinate, i reperti erano scivolati per gran parte da un lato e perciò molti reperti erano rimasti là.

Inclinazione delle tombe

Proprio mentre eravamo ad ascoltare, gli archeologi, scavando, hanno trovato dei manici e la base di un kantharos, un tipo di vaso, che hanno messo assieme ai cocci trovati prima.

Estrazione kantharos

Hanno trovato poi due pezzi di ossa di tipi diversi di cui ci hanno illustrato la differenza, uno era cremato, l’altro era inumato cioè sepolto con la carne, i vestiti e magari degli unguenti speciali, ma senza essere bruciato. Poi hanno trovato un pezzo di ferro che sembrava il manico di un coltello e allora gli archeologi ci hanno raccontato che precedentemente avevano trovato un set di bellezza di metallo, sebbene antico, in un tomba.

Ritrovamento oggetto in metallo

Tornando fuori dagli scavi ci hanno fermati un attimo per mostrarci una tomba rotonda di una donna a cui gli altri sepolcri stavano attorno che era diversa rispetto alle altre che erano a forma di dado, e loro ci hanno illustrato le loro ipotesi: la prima che fosse solo un modo per i familiari di starle accanto, la seconda che fosse una donna di alto rango e che gli Etruschi avessero voluto starle vicino per la sua importanza. Hanno aggiunto che c’era la stessa situazione un po’ più in fondo di quell’area di scavo e che devono cercare di capire bene il significato.

Tomba circolare

Quando siamo usciti dagli scavi, siamo andati a vedere la ricostruzione dei reperti. C’erano delle persone che lavavano i reperti e li facevano asciugare, altre che li classificavano, altre che li suddividevano, altre ancora che li attaccavano coi riempitivi e altre ancora che li numeravano.

Pianta della necropoli



Ricapitoliamo ora le fasi del lavoro che abbiamo osservato:

1 l’archeologo scava e trova il reperto.

 Scavo a cielo aperto


2 l’archeologo fotografa e misura il reperto e lo numera senza spostarlo dal luogo in cui lo ha trovato.

 Rilievo del reperto


3 l’archeologo raccoglie il reperto, lo ripulisce un pochino, lo esamina e fa delle ipotesi se non sa che cos’è.

Prima valutazione del reperto


4 l’archeologo porta il reperto a farlo lavare.

Alcuni reperti da pulire e catalogare


5 il reperto viene lavato e fatto asciugare.

lavaggio e asciugatura dei reperti


6 il reperto viene classificato e suddiviso per tipo e inserito nel database del computer.

Catalogazione e archiviazione dei reperti


7 se è da attaccare ad un altro pezzo, il reperto viene incollato con eventuali riempitivi.

Ricostruzione dei reperti


È stata un’esperienza bella ed emozionante difficilmente ripetibile, mi è piaciuto molto osservare dal vivo il lavoro dell’archeologo e inoltre è stato molto istruttivo.

Camilla (10 anni)


P.S. si ringrazia l'equipe archeologica che sta effettuando lo scavo presso la Necropoli del Crocefisso del Tufo di Orvieto e tutto il gruppo SOSTRATOS che ha finanziato e reso possibili questi scavi.

Logo SOSTRATOS

Oggi

Giovedì, 27 - 04 - 2017
Ore [05:20:00]

AVVISO

Per motivi tecnici, il login, la registrazione di nuovi utenti, l'inserimento dei commenti e la funzione di ricerca sono stati TEMPORANEAMENTE disabilitati. Ci scusiamo per gli eventuali disagi.

Blogroll

Valid XHTML 1.0 Transitional CSS Valido! Licenza Creative Commons

Questo sito utilizza i cookie per la gestione delle funzioni disponibili, per le statistiche e per la pubblicità. Premendo il tasto AGREE si accettano tutti i tipi di cookie. Potete comunque cancellare i cookie dal vostro browser o utilizzare una estensione che li blocchi. This site uses cookies to manage the features available, for statistics and advertising. Pressing the button AGREE accept all types of cookies. However, you can delete cookies from your browser or use an extension that blocks them. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information