Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Hebrew Portuguese Russian Spanish
Home Pensieri fuori dal blog Agenda Italia

Agenda Italia

La politica dei feticci metaforati

E così anche Renzi si è immolato sull’altare della Patria. Ha deciso di sacrificarsi e di accettare con umiltà il pesante fardello di Presidente del Consiglio, ultima delle sue modeste aspirazioni. Non intrighi di palazzo, non alleanze e sotterfugi da prima repubblica, si badi bene, ma solo altissimo senso di responsabilità. E i suoi fedelissimi lo accompagneranno preoccupati ed estasiati allo stesso tempo.

Preoccupati per la perigliosa sfida che dovranno affrontare, ma nell’estasi di vedere il loro modello di virtù politiche ed umane risplendere nella luce del sacrificio. Ahimè, pensavo che ormai il partito-persona fosse solo un ricordo per la sinistra. Per tanti anni criticati, per la mancanza o la scarsità di critiche al leader maximo di turno o per l’asservimento all’Urss, sono ricaduti nel peccato originale: approvazione incondizionata a ciò che il capo asserisce. Guardando annoiata i talkshow con le chiacchiere dei politici faccio ormai fatica a distinguere tra gli adepti di Berlusconi e quelli di Renzi. Entrambi, per lo più giovani ragazze di bell’aspetto, hanno sempre in bocca le parole del sommo dirigente. Ne sono dei meri portavoce, privi di qualsiasi barlume di ragionamento e iniziativa personale. Usando un termine di Agamben sono dei feticci metaforati, sono cioè la presenza di un assenza. Il loro capo non c’è ma è virtualmente presente in tutte le loro esternazioni. Questa non è politica, è follia. Questo è il risultato di vent’anni di lavaggio di cervello da parte dei media e dei politici. Questo è il risultato di una politica che vive sull’incapacità critica dell’uomo medio. E in tutto questo non mi meraviglia che le spese per la scuola pubblica si stiano assottigliando sempre di più. L’emergenza pulizia delle scuole, poco considerata da politici, giornali e tv, è solo la punta di un iceberg. A questo proposito vorrei citare l’acuta osservazione di uno dei miei autori preferiti:

“Un Paese che distrugge la sua scuola non lo fa mai solo per soldi, perché le risorse mancano, o i costi sono eccessivi. Un Paese che demolisce l’istruzione è già governato da quelli che dalla diffusione del sapere hanno solo da perdere.”
Italo Calvino

E se non sbaglio la questione scuola in generale non è nell’agenda delle priorità di Renzi…

Oggi

Venerdì, 24 - 11 - 2017
Ore [17:49:25]

AVVISO

Per motivi tecnici, il login, la registrazione di nuovi utenti, l'inserimento dei commenti e la funzione di ricerca sono stati TEMPORANEAMENTE disabilitati. Ci scusiamo per gli eventuali disagi.

Blogroll

Valid XHTML 1.0 Transitional CSS Valido! Licenza Creative Commons

Questo sito utilizza i cookie per la gestione delle funzioni disponibili, per le statistiche e per la pubblicità. Premendo il tasto AGREE si accettano tutti i tipi di cookie. Potete comunque cancellare i cookie dal vostro browser o utilizzare una estensione che li blocchi. This site uses cookies to manage the features available, for statistics and advertising. Pressing the button AGREE accept all types of cookies. However, you can delete cookies from your browser or use an extension that blocks them. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information