Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Hebrew Portuguese Russian Spanish
Home Pensieri fuori dal blog Il lavoro ri-comincia a cinquant'anni…

Il lavoro ri-comincia a cinquant'anni…

Il problema del riciclo dei cinquantenni

Ebbene sì il Censis ha ufficializzato quello che ogni persona di buon senso poteva immaginare. Persona di buon senso si intende, non persona con incarichi di governo. La flessibilità e la licenziabilità in Italia hanno prodotto questo: il licenziamento in massa dei lavoratori dai cinquant’anni in su. E un destino misero li attende.

Non facilmente riassumibili perché gli incentivi di assunzione riguardano solo i giovani. Non pensionabili perché hanno davanti a sé almeno dieci anni di gap pensionistico. Se la disoccupazione giovanile è un dramma, la disoccupazione pre senile è una tragedia. Si tratta infatti di lavoratori che hanno già una famiglia, magari un mutuo, figli che ancora studiano. Se avere un figlio in casa disoccupato è un problema, avere i genitori a spasso è un incubo. Ma ahimè chi si preoccupa di legiferare in termini di lavoro non si preoccupa di queste cose. Ci hanno detto che la flessibilità avrebbe prodotto nuovi posti di lavoro, aperto nuove prospettive. Il posto fisso è una noia! Bisogna sapersi aggiornare, riqualificare. Cialtronerie! Un riqualificato di cinquant’anni del settore impiegatizio o di un call center non lo riassume più nessuno. Se un professionista, manager, avvocato, medico può svolazzare da un posto all’altro di bene in meglio, un normale lavoratore dipendente non ha uguale mobilità. E le soluzioni a questo punto sono due: morire di fame o lavorare in nero. Bella mossa degli arguti economisti e strateghi del lavoro! Ben venga la politica di incentivi per l’occupazione giovanile ma non a discapito dei padri che oggi non hanno più un impiego e con tutta probabilità domani non avranno neppure la pensione. Forse la politica del lavoro deve essere affrontata in modo globale e lungimirante, valutando bene le soluzioni prima di fare interventi che creano più danni che vantaggi. Chi volesse dare un’occhiata ai dati ufficiali sulla nuova disoccupazione over 50 può farlo qui.

 

Oggi

Lunedì, 20 - 11 - 2017
Ore [12:46:55]

AVVISO

Per motivi tecnici, il login, la registrazione di nuovi utenti, l'inserimento dei commenti e la funzione di ricerca sono stati TEMPORANEAMENTE disabilitati. Ci scusiamo per gli eventuali disagi.

Blogroll

Valid XHTML 1.0 Transitional CSS Valido! Licenza Creative Commons

Questo sito utilizza i cookie per la gestione delle funzioni disponibili, per le statistiche e per la pubblicità. Premendo il tasto AGREE si accettano tutti i tipi di cookie. Potete comunque cancellare i cookie dal vostro browser o utilizzare una estensione che li blocchi. This site uses cookies to manage the features available, for statistics and advertising. Pressing the button AGREE accept all types of cookies. However, you can delete cookies from your browser or use an extension that blocks them. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information