Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Hebrew Portuguese Russian Spanish
Home Pensieri fuori dal blog Acqua in bocca!

Acqua in bocca!

Il frastuono del silenzio

Sono passati appena pochi giorni dalla denuncia dello scandalo Mose è già le acque si sono per così dire calmate. Le notizie, anche le più eclatanti, hanno la durata di un talk show, poi passano di moda. E un po’ alla volta si dimenticano. SI dimentica la rete che ha permesso la creazione e la sopravvivenza di un sistema di politici ed imprenditori ad uso esclusivo di una elite che intascava fondi pubblici o li spendeva malamente.

Si è parlato troppo di politici “locali” beneficiari in proprio o per il partito di presunte mazzette e si è parlato troppo poco di chi fino ad ora ha materialmente elargito i fondi: il Governo italiano. La pubblicità del Consorzio Venezia Nuova sbandiera la sua partnership con il Magistrato alle Acque di Venezia e con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Se qualcosa non ha funzionato in questi anni, la colpa non è solo “locale”. Possibile che nessuno abbia voluto, potuto vigilare su come i soldi venissero spesi? Che nessuno abbia potuto, voluto controllare i conti? Un Ministero non può servire solo ad elargire fondi, deve poter chiedere e avere un riscontro su come e da chi vengono spesi. Il fisco è tanto attento con i comuni cittadini che se sbagliano una virgola nella compilazione dei moduli vengono esemplarmente puniti con sanzioni pecuniarie ed invece non è prevista nessuna indagine e nessuna sanzione su fondi miliardari? C’è qualcosa che non funziona e, ripeto, non solo a livello “locale”. Nella grande abbuffata che ha caratterizzato l’Italia degli ultimi decenni tanti hanno trovato ossi da spolpare. La vera rivoluzione che tutti aspettiamo è veder cambiare davvero il sistema. Basta con le assunzioni e le consulenze di amici, parenti e conoscenti. Basta con i conti gonfiati perché tanto paga lo Stato. Basta con la logica del “così fan tutti”. Non si tratta di nuove o vecchie generazioni al potere, ma solo di onestà. Questa è la vera partita che deve vincere l’Italia. E invece riscopriamo l’orgoglio di essere italiani solo davanti a un mega schermo che trasmette le partite della nazionale di calcio. Che tristezza…

 

Oggi

Mercoledì, 22 - 11 - 2017
Ore [08:35:15]

AVVISO

Per motivi tecnici, il login, la registrazione di nuovi utenti, l'inserimento dei commenti e la funzione di ricerca sono stati TEMPORANEAMENTE disabilitati. Ci scusiamo per gli eventuali disagi.

Blogroll

Valid XHTML 1.0 Transitional CSS Valido! Licenza Creative Commons

Questo sito utilizza i cookie per la gestione delle funzioni disponibili, per le statistiche e per la pubblicità. Premendo il tasto AGREE si accettano tutti i tipi di cookie. Potete comunque cancellare i cookie dal vostro browser o utilizzare una estensione che li blocchi. This site uses cookies to manage the features available, for statistics and advertising. Pressing the button AGREE accept all types of cookies. However, you can delete cookies from your browser or use an extension that blocks them. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information