Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Hebrew Portuguese Russian Spanish
Home Pensieri fuori dal blog Sulle orme di Carlo Magno

Sulle orme di Carlo Magno

I Baschenis e la Val Rendena

Nell’anno 800 Carlo Magno scende in Italia, procedendo verso Roma per ottenere l’incoronazione ufficiale dal Papa come Imperatore. Il percorso esatto seguito da Carlo non è storicamente ben delineato. Si sa che attraversò la Svizzera e quindi passò per l’Alto Adige. Una delle supposizioni riguarda il suo passaggio per la Val Rendena in direzione di Brescia.

Passo Campo Carlo Magno

A supporto di questa tesi vi sono due elementi: la località sopra Madonna di Campiglio nota come Passo Campo Carlo Magno e un affresco nella chiesa di San Stefano di Carisolo.

Le Dolomiti del Brenta viste da Passo Campo Carlo Magno

La chiesa di San Stefano a Carisolo

Il dipinto è di epoca rinascimentale e raffigura Carlo Magno che assiste al battesimo di un catecumeno. Sotto vi è un lungo testo che racconta epicamente il passaggio di Carlo Magno per la valle e inoltre rende noto il privilegio di cui gode la chiesa.

Il privilegio della chiesa di San Stefano

L’affresco, come anche la Danza Macabra all’esterno dell’edificio, è opera di Simone Baschenis. La dinastia dei Baschenis, pittori bergamaschi, ha affrescato tra il ‘400 e il ‘500 moltissime chiese della Val di Sole e delle Giudicarie, in particolare della Val Rendena. Gli affreschi di Simone, il più importante di questi pittori itineranti, si trovano oltre a San Stefano di Carisolo anche a Pinzolo, nella chiesa di San Vigilio.

La chiesa di San Vigilio a Pinzolo

Qui, sulla facciata esterna si può notare la sua opera più apprezzata: la Danza Macabra, firmata e datata 5 ottobre 1539.

La danza macabra a Pinzolo

L’iscrizione sotto il personaggio della Morte è la chiara fonte di ispirazione di una nota canzone di Branduardi, “Ballo in fa diesis minore”.

L'iscrizione sotto l'affresco

Altri affreschi dei Baschenis sono presenti a Sant’Antonio a Pelugo, a San Vigilio a Spiazzo e a Sant’Antonio di Mavignola nella chiesa omonima e in molte località vicine.

La chiesa di Sant'Antonio a Pelugo

La chiesa di San Vigilio a Spiazzo

La chiesa di Sant'Antonio a Sant'Antonio di Mavignola

Torniamo però alla chiesa di San Stefano a Carisolo, arroccata su uno sperone sopra la Val Genova, per osservare la particolarità di un altro affresco al suo interno che raffigura l’Ultima Cena.

L'ultima cena a San Stefano

Sulla tavola vediamo spiccare numerosi gamberi rosso vivo. L’elemento può apparire insolito ma è in realtà legato all’alimentazione abituale delle popolazioni che vivevano in quei luoghi, essendo un tempo i fiumi ricchi di gamberi.

I gamberi nell'affresco

Articoli correlati

Oggi

Sabato, 18 - 11 - 2017
Ore [03:34:39]

AVVISO

Per motivi tecnici, il login, la registrazione di nuovi utenti, l'inserimento dei commenti e la funzione di ricerca sono stati TEMPORANEAMENTE disabilitati. Ci scusiamo per gli eventuali disagi.

Blogroll

Valid XHTML 1.0 Transitional CSS Valido! Licenza Creative Commons

Questo sito utilizza i cookie per la gestione delle funzioni disponibili, per le statistiche e per la pubblicità. Premendo il tasto AGREE si accettano tutti i tipi di cookie. Potete comunque cancellare i cookie dal vostro browser o utilizzare una estensione che li blocchi. This site uses cookies to manage the features available, for statistics and advertising. Pressing the button AGREE accept all types of cookies. However, you can delete cookies from your browser or use an extension that blocks them. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information