Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Hebrew Portuguese Russian Spanish
Home Pensieri fuori dal blog Privilegi, pensioni d'oro e sacrifici

Privilegi, pensioni d'oro e sacrifici

Secondo voi avrebbe senso una class action contro i privilegi di stato?

Cari amici del Web leggetevi questa bella e trasparente relazione sulle conclusioni riguardo i sacrifici predisposti dai parlamentari per loro stessi, pubblicata da "Il sole 24 ore" on-line. Se non capisco male si sacrificheranno a non percepire la pensione prima dei 60 anni se hanno fatto ben 5 anni di legislatura, si sacrificheranno ad aspettarla fino ai 65 se hanno fatto 1 solo anno, dico 1, di legislatura.

Accipicchiolina, questi sì che sono sacrifici da seguire come esempio! Cosa dite? C'è qualcuno che non si unirebbe subito ai sacrifici di questi poveri manovali della politica? E per giunta ci sono anche dubbi sulla costituzionalità dei tagli. Quelli proposti dal governo infatti non possono essere attuati per decreto perché minerebbero l'autonomia del parlamento. Ahinoi! Perché non c'è nessun dubbio sulla costituzionalità di un continuo peggioramento dei contratti di lavoro dei normali dipendenti pubblici e privati? Eppure la legge e i diritti dovrebbero essere eguali per tutti, secondo la nostra amata Costituzione. Sembra però che così non sia. Pare che qualcuno, per citare Orwell, sia più eguale degli altri. Molti di questi politici hanno inveito in passato contro i tiranni dell'Europa dell'Est e in tempi più recenti contro quelli del Nord Africa. Ma vi sembra davvero che loro siano tanto diversi? Si riempiono la bocca di democrazia e non sanno fare altro che riempirsi le tasche alle nostre spalle. Almeno nei regimi autoritari si sa con chi si ha a che fare, senza ipocrisie. La manovra è urgente e urgente sembra il prelievo dalle nostre tasche. Quello dalle loro tasche invece può aspettare una decisione attenta e meditata di qualche mese. Ma davvero li volete rivotare? Altro che tangentopoli e mani pulite! Questa classe politica è peggio di quella che l'ha preceduta ed è completamente da azzerare. Servono uomini nuovi che non abbiamo nulla a che fare e a che spartire con questi individui.

I sindacati hanno indetto uno scioperino di tre ore per protestare contro la manovra. A cosa e a chi servirà? Ai lavoratori dubito. Perdono tre ore di lavoro e poi i sindacati cosa faranno? Firmeranno qualsiasi cosa come negli ultimi anni hanno sempre fatto. Mi chiedo a chi serve oggi una rappresentanza sindacale di questo tipo. Tutti i contratti degli ultimi anni sono andati in continuo peggioramento perché per evitare “mali maggiori” i sindacati hanno ceduto su tutta la linea. E andrà sempre peggio… La flessibilità è diventata precarietà e basta. E con l’aumento dell’età pensionabile e il probabile licenziamento senza giusta causa andrà anche peggio. Ce la racconteremo fra qualche anno. Arrivati a i 55 anni molti lavoratori si ritroveranno sulla strada con zero probabilità di essere riassunti da qualche parte perché ormai troppo vecchi per il mercato del lavoro. I giovani prenderanno il loro posto ma con stipendi e garanzie sempre più bassi. E tutto questo mentre i soliti intoccabili, parlamentari, sindacalisti, consulenti, manager continueranno ad arraffare a destra e a manca, per giunta cercando di farci credere che lo fanno per il nostro bene, e versando pure qualche lacrimuccia coreografica. Le pensioni d’oro non si possono toccare perché sarebbe anche quello anticostituzionale… pensano a un piccolo prelievo per la cifra eccedente i 200.000 euro… Loro protestano perché non vogliono fare sacrifici per decreto, invece a noi li impongono senza nessuna possibilità di replica. A sentire poi i capi partito di destra e sinistra sono tutti disponibili ai tagli e ai sacrifici. Peccato che poi in parlamento votino tutti all’unanimità per mantenere i privilegi. Che quadro misero! In quest’era post capitalista e della comunicazione digitale io credo che dovremmo pensare a una nuova forma di lotta democratica diversa dallo sciopero, che possa essere davvero incisiva e soprattutto che renda concretamente l’idea che la corda è stata davvero tirata troppo. I soldi vanno cercati dove ci sono e non rastrellati da chi fatica ad arrivare a fine mese. Qualcuno ha qualche idea? Mi piacerebbe avere un confronto… Ad esempio che ne pensate di una bella class action contro i privilegiati di stato? Il Web deve diventare motore della protesta e delle proposte per uscire dalla crisi economica e politica in cui ci troviamo. Andare avanti così non è possibile!

Articoli correlati

Oggi

Venerdì, 24 - 11 - 2017
Ore [16:13:24]

AVVISO

Per motivi tecnici, il login, la registrazione di nuovi utenti, l'inserimento dei commenti e la funzione di ricerca sono stati TEMPORANEAMENTE disabilitati. Ci scusiamo per gli eventuali disagi.

Blogroll

Valid XHTML 1.0 Transitional CSS Valido! Licenza Creative Commons

Questo sito utilizza i cookie per la gestione delle funzioni disponibili, per le statistiche e per la pubblicità. Premendo il tasto AGREE si accettano tutti i tipi di cookie. Potete comunque cancellare i cookie dal vostro browser o utilizzare una estensione che li blocchi. This site uses cookies to manage the features available, for statistics and advertising. Pressing the button AGREE accept all types of cookies. However, you can delete cookies from your browser or use an extension that blocks them. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information