Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Hebrew Portuguese Russian Spanish
Home Fotografia digitale Leggere gli istogrammi

Leggere gli istogrammi

Usare gli istogrammi nelle fotocamere digitali

Le fotocamere digitali reflex e molte delle compatte hanno una funzione molto importante che spesso sottovalutiamo: gli istogrammi. Si tratta di un utilissimo grafico dell'andamento della luminosità e delle tonalità della nostra immagine.

Leggere le curve con attenzione comporta migliorare la nostra tecnica di scatto. In alcune fotocamere la funzione istogramma è presente in modalità inquadratura e diventa quindi un aiuto prezioso prima dello scatto. Se invece la funzione è utilizzabile solo sulla foto già acquisita possiamo comunque ottenere delle informazioni utili per provare una diversa e più accurata esposizione. Cosa ci mostra esattamente l'istogramma? Indica il tipo di tonalità all'interno dell'immagine, quelle chiare a destra e quelle scure a sinistra. Idealmente il grafico è divisibile in tre parti eguali che rappresentano ombre, mezzitoni e luci (shadows, midtones e highlights). Avremo quindi il nero assoluto al limite sinistro e il bianco assoluto al limite destro. Un’immagine equilibrata dal punto di vista della luce avrà una curva distribuita su tutte e tre le sezioni. Una immagine sovresposta avrà un grafico sbilanciato verso destra, una sottoesposta verso sinistra. Nelle curve saranno ovviamente presenti dei picchi. Per una corretta esposizione dobbiamo evitare che la curva abbia picchi vicino agli estremi perché in tal caso avremmo delle zone bruciate dalla luce o al contrario troppo scure. Alcuni modelli nel grafico dell’istogramma visualizzano anche le curve RGB, rappresentate con i colori corrispondenti, utili per la comprensione della dinamica del colore. Anche per queste sono da evitare i picchi sugli estremi che renderebbero illeggibili alcune zone di colore. Non c'è da preoccuparsi invece di curve RGB distribuite in modo disomogeneo, la quantità di ogni singolo colore infatti varierà in base al soggetto fotografato. Ad esempio un tramonto infuocato avrà un istogramma sbilanciato verso il rosso.

Gli istogrammi in una digicam

Nel caso di foto sbagliate possiamo rimediare utilizzando gli istogrammi all’interno di un software di fotoritocco e intervenire, per quanto possibile su ombre, mezzitoni e luci per recuperare i dettagli.

 

Articoli correlati

Oggi

Venerdì, 13 - 12 - 2019
Ore [16:57:03]

AVVISO

Per motivi tecnici, il login, la registrazione di nuovi utenti, l'inserimento dei commenti e la funzione di ricerca sono stati TEMPORANEAMENTE disabilitati. Ci scusiamo per gli eventuali disagi.

Blogroll

Valid XHTML 1.0 Transitional CSS Valido! Licenza Creative Commons

Questo sito utilizza i cookie per la gestione delle funzioni disponibili, per le statistiche e per la pubblicità. Premendo il tasto AGREE si accettano tutti i tipi di cookie. Potete comunque cancellare i cookie dal vostro browser o utilizzare una estensione che li blocchi. This site uses cookies to manage the features available, for statistics and advertising. Pressing the button AGREE accept all types of cookies. However, you can delete cookies from your browser or use an extension that blocks them. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information