Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Hebrew Portuguese Russian Spanish
Home Pensieri fuori dal blog La questione morale

La questione morale

Politici nella nebbia

Sono abbastanza vecchia per ricordarmi di Enrico Berlinguer segretario del PCI. E per ricordarmi di una questione che gli stava a cuore: la questione morale. Già trent’anni fa aveva chiaro il comportamento della classe dirigente italiana e vedeva la necessità di un rinnovamento di fondo politico e morale. Oggi il suo monito appare ancora più vivo. Quando sento parlare della cerchia di amicizie di Renzi, di affitti di favore, affidamenti di incarichi ad amici e conoscenti ed altre amenità, sorrido.

Sorrido perché la risposta è sempre quella, sentita troppe volte in questi anni: il fatto non ha rilevanza penale. Vero. Ma il problema è un altro: il fatto ha rilevanza morale. Nel caso di Renzi, della Cancellieri e di mille altri politici come loro quello che conta, per noi poveri mortali, non è che le loro azioni siano talmente gravi da doverli perseguire penalmente. Quello che conta è che le loro azioni si muovano in quel limbo di non perseguibilità che consiste nella gestione e nella spartizione del potere tra amici, parenti, conoscenti, sia pur forse meritevoli (ma quanti altri illustri sconosciuti sarebbero altrettanto meritevoli?). Fino a che i consigli di amministrazione della partecipate, gli incarichi di consulenza e collaborazione delle amministrazioni sono appannaggio di sindaci, governatori e presidenti che hanno il diritto e il dovere di scegliere i candidati a loro insindacabile giudizio, è chiaro che il sistema non può fare passi avanti. Fino a che non si esce dalla logica del clientelismo, della parentopoli e dell’amicopoli l’Italia non vedrà una ripresa vera. L’economia può ripartire solo se cambia il tipo di governance. Le persone non possono più essere scelte in base al manuale Cencelli o in base al grado di utilità politica o alla capacità di far favori a qualcuno. La vera novità in Italia sarebbe questa: avere uno staff politico di alto profilo intellettuale e morale scelto unicamente in virtù della professionalità e competenza. Tutto il resto sono solo chiacchiere. Se è vero che Beppe deve uscire dal blog, Matteo deve uscire dalla televendita. Nel PD i suoi fedelissimi continuano a lanciare spot pubblicitari e a parlare come imbonitori di piazza, forti del fatto che per vent’anni siamo stati imboniti dal gran maestro delle televendite. I politici sembrano ormai contare sull’assuefazione degli italiani ai consigli per gli acquisti. Ma il paese pensante e reale, quello che dovrebbe ringraziare il Principe per l’elargizione caritatevole di 100 euro al mese, vorrebbe vedere altro. Appalti trasparenti, spesa pubblica contenuta e motivata, assunzioni di persone capaci al di là di ogni ragionevole dubbio di favoritismo, onore al merito e non alla raccomandazione. Che Renzi riesca o no nel suo intento di grandi riforme, la sua prima battaglia, quella sulla moralità, l’ha già persa. I suoi grandi consiglieri della comunicazione dovrebbero spiegargli che il consenso oggi il Principe illuminato lo costruisce non tanto su una rete di amici più o meno potenti, ma sulla fiducia degli elettori, sulla lealtà a quei valori che per la gente comune sono davvero importanti. La rete di amici influenti funziona in una democrazia dimezzata in cui il popolo non è sovrano ma suddito. Se non si riesce a cambiare questo modo di pensare e di agire verrebbe da dire che dal ‘500 al 2000 sono cinquecento anni persi "pal caigo" (trad. nella nebbia).

Articoli correlati

Oggi

Giovedì, 23 - 11 - 2017
Ore [10:02:46]

AVVISO

Per motivi tecnici, il login, la registrazione di nuovi utenti, l'inserimento dei commenti e la funzione di ricerca sono stati TEMPORANEAMENTE disabilitati. Ci scusiamo per gli eventuali disagi.

Blogroll

Valid XHTML 1.0 Transitional CSS Valido! Licenza Creative Commons

Questo sito utilizza i cookie per la gestione delle funzioni disponibili, per le statistiche e per la pubblicità. Premendo il tasto AGREE si accettano tutti i tipi di cookie. Potete comunque cancellare i cookie dal vostro browser o utilizzare una estensione che li blocchi. This site uses cookies to manage the features available, for statistics and advertising. Pressing the button AGREE accept all types of cookies. However, you can delete cookies from your browser or use an extension that blocks them. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information