Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Hebrew Portuguese Russian Spanish
Home Pensieri fuori dal blog Quanta confusione!

Quanta confusione!

Aspettando il Presidente...

In quest’Italia dalla memoria corta sono sempre più sorpresa dalle affermazioni e dalle decisioni di leader di partiti grandi e piccini. Casaleggio non approva la candidatura di Prodi e della Bonino perché hanno un passato politico alle spalle, ma non fiata su Rodotà, non esattamente un uomo nuovo della politica…

E a dire il vero anche Dario Fo qualche precedente di militanza ce l’ha… ma evidentemente, come nella fattoria orwelliana, tutti i candidati sono eguali eppure qualcuno è più eguale degli altri. Trovo anche ridicolo immortalare Crimi che dorme in prima classe su un Freccia Rossa per additarlo al pubblico ludibrio. Trovo invece molto più grave che i grillini tergiversino su rendicontazione e taglio stipendi. Se volessero davvero essere vicini ai normali cittadini dovrebbero provare a vivere con un normale stipendio da operaio o da impiegato pubblico. Seimila o undicimila euro al mese, diaria sì diaria no sono tutte parole sconosciute e incomprensibili ai più. Ma di nuovo i cittadini sono tutti eguali e tuttavia qualcuno è più eguale degli altri. C’è chi può vivere a Roma mantenendo una famiglia con poco più di mille euro al mese e chi invece considera 6000 euro il minimo indispensabile. L’accoppiata Renzi e Grillo poi è quella che mi è più incomprensibile. Mi piacerebbe sapere se si rendono conto o meno che il loro comportamento disfattista e anti PD è un regalo fatto a Berlusconi per il quale apparentemente non nutrono simpatia politica. Il loro tentennare e inveire contro i vertici da un lato e il loro bloccare tutte le iniziative dall’altro non fa che aumentare il PDL nei sondaggi. Le ipotesi sono due: o i suddetti protagonisti non se ne rendono conto oppure hanno un disegno politico a favore del Cavaliere. In entrambi i casi credo che i loro elettori dovranno riflettere in vista delle prossime elezioni. Trasparenza e consapevolezza nei fatti e non a parole è quello di cui ha bisogno l’Italia. Giochini tattici e guerra di tutti contro tutti non servono ad un paese in crisi. Se si va avanti così alle prossime elezioni servirà un nuovo guru che nelle piazze e sul Web urli “ Tutti a casa!”. Il PD dal canto suo con la candidatura di Marini fa una scelta discutibile e non rivolta alla coesione del partito. Lo inviterei invece a insistere sulla candidatura di Prodi visto che Berlusconi e i suoi sono pronti ad espatriare in caso di elezione del professore. L’occasione è troppo ghiotta per non essere colta al volo!

Articoli correlati

Oggi

Venerdì, 24 - 11 - 2017
Ore [17:54:41]

AVVISO

Per motivi tecnici, il login, la registrazione di nuovi utenti, l'inserimento dei commenti e la funzione di ricerca sono stati TEMPORANEAMENTE disabilitati. Ci scusiamo per gli eventuali disagi.

Blogroll

Valid XHTML 1.0 Transitional CSS Valido! Licenza Creative Commons

Questo sito utilizza i cookie per la gestione delle funzioni disponibili, per le statistiche e per la pubblicità. Premendo il tasto AGREE si accettano tutti i tipi di cookie. Potete comunque cancellare i cookie dal vostro browser o utilizzare una estensione che li blocchi. This site uses cookies to manage the features available, for statistics and advertising. Pressing the button AGREE accept all types of cookies. However, you can delete cookies from your browser or use an extension that blocks them. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information