Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Hebrew Portuguese Russian Spanish
Home Pensieri fuori dal blog L’homo videns alla prova delle primarie

L’homo videns alla prova delle primarie

Il cambiamento che non verrrà

La vittoria di Renzi era annunciata, scontata, risaputa. Non aveva avversari altrettanto mediatici, altrettanto sponsorizzati. L’homo videns non poteva che votare per lui che ha riempito la scena, né più né meno di come ha fatto Berlusconi per vent’anni invocando un cambiamento che non avverrà, un futuro roseo che non ci sarà. Perché è il sistema Italia che non funziona. Un sistema dove politica-economia-appalti-corruzione si sono talmente mescolati tra loro da essere indistinguibili.

E cercare di scremare è un’operazione impossibile. Le strategie mediatiche a destra e a sinistra (ammesso che queste due categorie abbiano ancora un senso) sono identiche e la pochezza dei programmi e delle proposte pure. Dietro i media il niente. Non mi riconosco nel Pd di Renzi, ciarliero, che fa l’occhiolino al centro destra, che sorride narcisisticamente davanti alle telecamere, che enuncia slogan sul cambiamento degni della campagna pubblicitaria di uno yogurt ma non consoni alla vera politica, quella del fare, dello stare in mezzo alla gente, del governare senza intrallazzi. Non mi riconosco neppure nel populismo cronico di Grillo e ancor meno nei proclami fuori del tempo di SEL. L’Italia non sa produrre leader, questo è un dato di fatto. Paese di santi, navigatori, poeti ma non di politici di razza. Ci facciamo ingannare dai sorrisi, dalle urla. Questa è la nostra storia. Il triste ventennio del fascismo a cui è seguito un quarantennio di spartizione clientelare a cui è seguito un altro ventennio che ha posto le basi del disastro attuale riempiendo teste e coscienze di show, reality e notizie addomesticate. C’è un libro poco noto di Gadda, “Eros e Priapo”, che in modo ironico e dissacrante analizza l’ascesa e la caduta di Mussolini. Leggendolo con attenzione non è difficile vedere impressionanti analogie tra l’Italia di oggi e quella di allora: dotata di scarsa capacità critica e facile a seguire il primo buffone con la mascella quadrata e la faccia telegenica… Chi sarà il nuovo leader maximo? Si potrebbe fare un bel reality con i candidati principali, sarebbe un successone! Come slogan andrebbe benissimo quello del celebre film “Highlander”: alla fine ne resterà uno solo! Cosa ne pensano i curatori di immagine dei nostri leader? Il prossimo Presidente del Consiglio potremmo sceglierlo così con il telvoto, senza dimenticare ovviamente le pause per gli acquisti…

 

Articoli correlati

Oggi

Lunedì, 20 - 11 - 2017
Ore [12:31:08]

AVVISO

Per motivi tecnici, il login, la registrazione di nuovi utenti, l'inserimento dei commenti e la funzione di ricerca sono stati TEMPORANEAMENTE disabilitati. Ci scusiamo per gli eventuali disagi.

Blogroll

Valid XHTML 1.0 Transitional CSS Valido! Licenza Creative Commons

Questo sito utilizza i cookie per la gestione delle funzioni disponibili, per le statistiche e per la pubblicità. Premendo il tasto AGREE si accettano tutti i tipi di cookie. Potete comunque cancellare i cookie dal vostro browser o utilizzare una estensione che li blocchi. This site uses cookies to manage the features available, for statistics and advertising. Pressing the button AGREE accept all types of cookies. However, you can delete cookies from your browser or use an extension that blocks them. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information