Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Hebrew Portuguese Russian Spanish
Home Russia Cenni storici su Rostov-Velikij

Cenni storici su Rostov-Velikij

Breve storia di Rostov-Velikij

Rostov si trova sulle rive del lago Nero a 197 km a nord-est di Mosca ed è una delle più antica città russe poiché la sua esistenza è già documentata dalle “Cronache dei tempi passati” nell’anno 862. Fu governata da Jaroslavl il saggio e dal fratello Boris che vi introdussero il cristianesimo, non senza una forte opposizione degli abitanti che nel 1071 uccisero il vescovo. Fu chiamata Rostov-velikij (la grande) da Jurij Dolgorukij nel XII secolo per conferirle maggiore importanza.

Essa faceva parte del principato di Rostov-Suzdal. All’inizio del XIII secolo la regione di Rostov si separò da quella di Suzdal e iniziò il suo declino frammentandosi nel 1212 in tre principati: Rostov, Jaroslavl e Uglic. Le invasioni tatare del 1238 diedero un grave colpo alla città e alle sue ricchezze. Cacciati i Tatari il potere si spostò al principato di Mosca. Rostov mantenne però la sua importanza fino al XVII secolo e fu arricchita di costruzioni religiose dalla ricca diocesi. Nel 1600 il metropolita Iona Sjsoevich ne requisì i beni ecclesistici per l’allestimento di un suo palazzo fortificato  privato sulle rive del lago Nero. Fu nel XVIII secolo che si compì il declino della città con lo spostamento della sede del metropolita a Jaroslavl e con la statalizzazione delle terre della chiesa. Oggi Rostov è un importante centro tessile e restano ancora costruzioni antiche come il cremlino e il monastero di S. Jakov.

Il cremlino di Rostov

Articoli correlati

Oggi

Lunedì, 20 - 11 - 2017
Ore [12:35:36]

AVVISO

Per motivi tecnici, il login, la registrazione di nuovi utenti, l'inserimento dei commenti e la funzione di ricerca sono stati TEMPORANEAMENTE disabilitati. Ci scusiamo per gli eventuali disagi.

Blogroll

Valid XHTML 1.0 Transitional CSS Valido! Licenza Creative Commons

Questo sito utilizza i cookie per la gestione delle funzioni disponibili, per le statistiche e per la pubblicità. Premendo il tasto AGREE si accettano tutti i tipi di cookie. Potete comunque cancellare i cookie dal vostro browser o utilizzare una estensione che li blocchi. This site uses cookies to manage the features available, for statistics and advertising. Pressing the button AGREE accept all types of cookies. However, you can delete cookies from your browser or use an extension that blocks them. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information