Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Hebrew Portuguese Russian Spanish
Home Russia Le icone russe

Le icone russe

Icona

Icona è un termine che deriva dal greco “eikon” e significa immagine. Nella chiesa cristiana rappresenta un’immagine sacra e deriva direttamente dalla tradizione bizantina. I primi iconografi provenivano infatti dalla Grecia e da Bisanzio. Nella chiesa Ortodossa le icone hanno assunto nel corso dei secoli un valore mistico e grande è la venerazione dei Russi per tutte le icone e particolarmente per alcune ritenute miracolose, come, ad esempio, la Vergine di Vladimir o la Vergine di Kazan.

Un tempo in ogni casa russa, povera o ricca che fosse, vi era l’”angolo bello” ovvero un angolo della casa, bene in vista per chi entrasse, in cui era esposta l’icona protettrice davanti a cui si segnava l’ospite ma anche il padrone di casa. Oggi l’usanza di conservare tra le mura domestiche un’icona è meno diffusa ma ancora presente. E ancora attuale, nelle chiese ortodosse, è vedere giovani e anziani che pregano davanti alle icone baciandole, genuflettendosi, inchinandosi e segnandosi con la croce tre volte eseguendo le cosiddette piccole e grandi metanie. Numerose furono le scuole di icone nella storia russa, ricordiamo quelle di Tver, Pskov, Novgorod, Palekh, Mosca. L’icona, oggi come un tempo, è dipinta seguendo canoni ben precisi nello stile compositivo, nei colori, nella tecnica, nelle proporzioni e nella prospettiva. Il dipinto è eseguito su una tavola di legno stagionata, e trattata adeguatamente, avente sul retro dei tasselli che ne impediscono l’incurvatura. La tradizione prevede che il legno venga levigato, rivestito di tela e poi di uno strato di creta. Quindi può essere dipinto con colori a tempera d’uovo e sempre e rigorosamente naturali. Prima si tracciano i contorni delle figure, poi si passa alla colorazione ed infine si eseguono i tratti dei volti ed i particolari. Uno strato di olio di lino fa da vernice protettiva all’immagine. Per impedire che fumo di candele e baci dei fedeli danneggino il dipinto in Russia molte icone sono rivestite di una “riza” ovvero una copertura metallica, di solito rame o argento e talvolta oro, che lascia scoperti solo volti, mani e piedi delle figure sacre.

Il Cristo dallo sguardo corrucciato nella cattedrale dell'Assunzione del Cremlino di Mosca

L'angolo bello in una casa russa antica

Articoli correlati

Oggi

Lunedì, 20 - 11 - 2017
Ore [12:53:24]

AVVISO

Per motivi tecnici, il login, la registrazione di nuovi utenti, l'inserimento dei commenti e la funzione di ricerca sono stati TEMPORANEAMENTE disabilitati. Ci scusiamo per gli eventuali disagi.

Blogroll

Valid XHTML 1.0 Transitional CSS Valido! Licenza Creative Commons

Questo sito utilizza i cookie per la gestione delle funzioni disponibili, per le statistiche e per la pubblicità. Premendo il tasto AGREE si accettano tutti i tipi di cookie. Potete comunque cancellare i cookie dal vostro browser o utilizzare una estensione che li blocchi. This site uses cookies to manage the features available, for statistics and advertising. Pressing the button AGREE accept all types of cookies. However, you can delete cookies from your browser or use an extension that blocks them. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information