Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Hebrew Portuguese Russian Spanish
Home Russia Le uova di Fabergé

Le uova di Fabergé

Uova preziose

Peter Carl Gustavovich Fabergé si inserisce nella secolare tradizione delle uova ornamentali russe inaugurando la serie di uova preziose in oro, argento, smalti e pietre preziose. Il cognome Fabergé ha un’origine francese. Pare che i primi Fabergé emigrati in Russia scapparono dalla Francia nel XVII secolo durante il regno di Luigi XIV perché perseguitati in quanto ugonotti.

Carl Gustavovich Fabergé

Nato nel 1846 a San Pietroburgo a soli 24 anni Carl inizia la sua avventura di gioielliere assumendo la direzione del piccolo ma ben avviato laboratorio di oreficeria del padre Gustav. In questo laboratorio lavoreranno alcuni tra i migliori orafi dell’epoca.

In Fabergé si sommano diverse culture, non solo per la sua nascita in una città cosmopolita come San Pietroburgo. Il padre nasce in Estonia, sul Baltico, la madre, danese, lo fa battezzare nella Chiesa Protestante di San Pietroburgo, i suoi studi si svolgono prima nella capitale russa e poi in Germania e compie viaggi di formazione in Italia e in Francia.

Il primo uovo imperiale russo pare risalire al 1885 ed era una commissione dello zar Alessandro III per la moglie Maria. Da quel momento l’orafo divenne il gioielliere ufficiale di corte. La tradizione delle uova imperiali, sempre più fantasiose ed elaborate continuò fino al 1916 per un totale di oltre 50 oggetti. Il primo uovo è un “semplice” guscio d’oro smaltato di bianco con all’interno una gallina d’oro con occhi di rubino. Le creazioni successive sostituiscono al semplice smalto la lavorazione a guillochage ovvero uno smalto cesellato finemente a mano. Le sorprese diventano sempre più elaborate e raffinate come ad esempio quella dell’incoronazione del 1897 che riproduce in miniatura proprio la carrozza dell’incoronazione. L’uovo dell’albero di arance, l’uovo dei mughetti sono altri splendidi esempi di arte orafa sul tema delle uova ornamentali. Soggetti profani si intrecciano a quelli religiosi negli anni 1887 e 1915 con uova che all’interno hanno rappresentazioni della Resurrezione.

L'uovo di Pietro il Grande realizzato da Fabergé

Molti dei più famosi e più bei lavori del laboratorio Fabergé sono oggi visibili nel Museo dell’Armeria che si trova all’interno del Cremlino di Mosca.

Articoli correlati

Oggi

Mercoledì, 22 - 11 - 2017
Ore [08:29:16]

AVVISO

Per motivi tecnici, il login, la registrazione di nuovi utenti, l'inserimento dei commenti e la funzione di ricerca sono stati TEMPORANEAMENTE disabilitati. Ci scusiamo per gli eventuali disagi.

Blogroll

Valid XHTML 1.0 Transitional CSS Valido! Licenza Creative Commons

Questo sito utilizza i cookie per la gestione delle funzioni disponibili, per le statistiche e per la pubblicità. Premendo il tasto AGREE si accettano tutti i tipi di cookie. Potete comunque cancellare i cookie dal vostro browser o utilizzare una estensione che li blocchi. This site uses cookies to manage the features available, for statistics and advertising. Pressing the button AGREE accept all types of cookies. However, you can delete cookies from your browser or use an extension that blocks them. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information