Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Hebrew Portuguese Russian Spanish
Home Russia Uova ornamentali russe

Uova ornamentali russe

La tradizione delle uova decorate russe

Fabergé ha reso famosa in tutto il mondo la tradizione russa delle uova ornamentali creando per gli Zar dei meravigliosi gioielli. In realtà però la tradizione delle uova decorate affonda le sue origini nell’antichità pagana, legata al mondo contadino.

In tutte le civiltà l’uovo è stato un elemento importante. La vita che scaturisce al suo interno lo ha reso simbolo di nuova vita, di rinascita spirituale. Il tuorlo con il suo colore giallo e la sua forma tonda veniva assimilato al sole, fonte di calore. Creare uova decorate era quindi esprimere fiducia e speranza nell’avvento di una nuova feconda primavera dapprima in termini meramente stagionali poi in termini estesi metaforicamente alla spiritualità e un colore spesso usato era il rosso, per molte civiltà simbolo di fortuna. E proprio come simbolo primaverile di rinascita l’uovo diventa un tipico manufatto in Ukraina.

Il tipico uovo ukraino con decorazioni su sfondo rosso

L’arte della decorazione delle uova ha una sua preciso alfabeto di colori ed elementi grafici. Regalare un uovo significava e significa tutt’ora, augurare prosperità e pace a chi lo riceve. I colori utilizzati erano tutti naturali, ottenuti principalmente da erbe e fiori. Con l’avvento del cristianesimo la tecnica si è raffinata ed è diventata una tradizione irrinunciabile del periodo pasquale. Le donne durante la settimana santa, dopo un periodo di purificazione, si dedicavano a dipingere le uova, soprattutto di gallina. Talvolta venivano bollite e decorate con un unico colore e poi venivano mangiate a Pasqua altre volte venivano dipinte senza prima cuocerle e neppure svuotate perché mantenessero intatto il loro contenuto simbolico di fecondità.

L’origine della tradizione cristiana di scambiarsi uova durante il periodo pasquale pare risalga ad una leggenda greca. Secondo la leggenda, quando Maria Maddalena giunse a Roma per predicare il vangelo dopo la Resurrezione di Cristo, si presentò all’imperatore Tiberio offrendogli un uovo colorato di rosso e dicendogli “Cristo è risorto”. Da quel momento i cristiani, seguendo il suo esempio, si scambiarono le uova a Pasqua in memoria della Resurrezione.

Tra la metà del ‘700 e fino al 1917 erano molto in voga, negli ambienti nobiliari, le uova in porcellana realizzate dalle Manifatture Imperiali russe di porcellana, fabbriche che fino al 1820 mantennero l’esclusività della produzione. Quello della distribuzione delle uova pasquali all’alto clero e ai ceti nobili era un vero e proprio rito “celebrato” dallo zar e seguiva un preciso cerimoniale. Di tale cerimoniale si ha traccia già nel 1600 durante il regno dello Zar Aleksej Michailovich

Nei mercatini russi, specie quelli vicini ai monasteri, ancora oggi possiamo facilmente trovare in vendita uova in legno decorate con scene religiose.

Uovo russo in legno decorato con dipinta la Trinità

Nei negozi si possono invece trovare piccole uova d’argento filigranato con all’interno dipinti smaltati di Cristo, della Madonna o di Santi oppure non apribili e smaltate all’esterno con colori vivaci in stile Fabergé.

Un piccolo uovo russo in argento filigranato che all'interno ha un'icona in smalto

Articoli correlati

Oggi

Lunedì, 20 - 11 - 2017
Ore [12:32:37]

AVVISO

Per motivi tecnici, il login, la registrazione di nuovi utenti, l'inserimento dei commenti e la funzione di ricerca sono stati TEMPORANEAMENTE disabilitati. Ci scusiamo per gli eventuali disagi.

Blogroll

Valid XHTML 1.0 Transitional CSS Valido! Licenza Creative Commons

Questo sito utilizza i cookie per la gestione delle funzioni disponibili, per le statistiche e per la pubblicità. Premendo il tasto AGREE si accettano tutti i tipi di cookie. Potete comunque cancellare i cookie dal vostro browser o utilizzare una estensione che li blocchi. This site uses cookies to manage the features available, for statistics and advertising. Pressing the button AGREE accept all types of cookies. However, you can delete cookies from your browser or use an extension that blocks them. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information