Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Hebrew Portuguese Russian Spanish
Home Cucina Festa di San Martino a Venezia

Festa di San Martino a Venezia

San Martin xe 'ndà in sofita...

L’11 Novembre è San Martino. La storia del santo che dona il suo mantello a un povero infreddolito è nota a tutti. Non tutti forse sanno che a Venezia in questo giorno si mangiano dolcetti particolari con la forma del cavaliere realizzati con frolla o cotognata.

Il dolce di San Martino

La festa è soprattutto per i bambini che muniti di oggetti rumorosi, come coperchi e mestoloni, girano per la città cantando una filastrocca dedicata al santo. La loro attività musicale viene premiata dai negozianti con caramelle.

Ecco il testo della filastrocca per i “foresti” che non la conoscono:

"San Martin xe 'ndà in sofita, a trovar la so novissa. La so novissa no ‘a ghe g’era, San Martin xe ‘nda col cul par tera... E col nostro sachetin, viva viva San Martin."

La melodia è molto simile alla più nota “Garibaldi fu ferito…”.

Il tipico dolce che si mangia il giorno della festa è sostanzialmente una frolla con la forma del santo a cavallo decorata con glassa, cioccolatini e caramelle colorate. Si trovano facilmente stampi in plastica o metallo per poter realizzare in casa questo dolcetto amato dai bambini.

Lo stampo per il San Martino

Chi non riuscisse a trovarlo può utilizzare il disegno che ho realizzato con Inkscape e stamparlo. Basta riportarlo poi su carta da forno e usarla come modello per ritagliare la pasta.

 

Ricetta del San Martino

Dosi: 250 gr di farina, 125 gr di burro 100 gr di zucchero a velo, 2 tuorli d’uovo, scorza di limone grattugiata, un pizzico di sale.

Per la decorazione ho usato la classica pasta di zucchero e gli smarties.

Impastiamo gli ingredienti come per la frolla. Stendiamo la pasta e quindi con lo stampo ritagliamo la sagoma del dolce. Disponiamo su una pirofila imburrata e cuociamo in forno già riscaldato a 180°.

Il San Martino appena cotto

Una volta cotto lo lasciamo raffreddare e nel frattempo prepariamo la pasta di zucchero che useremo per decorarlo. Lasciamo riposare un paio d’ore e quindi mangiamolo in allegria.

Attachments:
FileDescrizioneFile size
Download this file (martino.pdf)martino.pdfModello di San Martino da stampare386 Kb

Articoli correlati

Oggi

Venerdì, 24 - 11 - 2017
Ore [16:11:31]

AVVISO

Per motivi tecnici, il login, la registrazione di nuovi utenti, l'inserimento dei commenti e la funzione di ricerca sono stati TEMPORANEAMENTE disabilitati. Ci scusiamo per gli eventuali disagi.

Blogroll

Valid XHTML 1.0 Transitional CSS Valido! Licenza Creative Commons

Questo sito utilizza i cookie per la gestione delle funzioni disponibili, per le statistiche e per la pubblicità. Premendo il tasto AGREE si accettano tutti i tipi di cookie. Potete comunque cancellare i cookie dal vostro browser o utilizzare una estensione che li blocchi. This site uses cookies to manage the features available, for statistics and advertising. Pressing the button AGREE accept all types of cookies. However, you can delete cookies from your browser or use an extension that blocks them. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information